DIFENDIAMO L’ITALIANO… COME?

 

        Molti di noi si lamentano della situazione di continuo oltraggio alla nostra lingua e di continua umiliazione della nostra identità e dignità di popolo.

         Ma pochi pensano che ognuno di noi può effettivamente operare per influire su questa deriva antitaliana messa in pratica da una buona parte di italiani inconsapevoli e incoscienti o – più raramente – convintamente rinnegati.

         Se – specie dopo aver letto le altre pagine di questo blog, e dopo aver capito l’importanza civica e politica della salvaguardia della lingua – volete fare qualcosa per invertire questa decadenza, imponetevi queste semplici regole:

 

1.    rifiutatevi di andare a vedere film il cui titolo non sia tradotto in Italiano;

 

2.    rifiutate di acquistare prodotti la cui pubblicità sia veicolata con canzoni in lingua straniera oppure con slogan in lingua straniera (tipo “life is now”);

 

3.    preferite gli acquisti nei negozi che abbiano nomi in Italiano;

 

4.    cambiate immediatamente canale televisivo o radiofonico, quando sentite discussioni o messaggi che utilizzano inutilmente vocaboli anglo-americani;

 

5.    se partecipate ad una conferenza e il conferenziere usa qualche espressione straniera, gridate: “In Italiano!”, oppure alzatevi e chiedete che l’espressione sia tradotta per rispetto alla nostra italianità;

 

6.    se ricevete documenti in cui ci sia abbondanza di formule in Inglese, spendete una telefonata per lamentarvene con chi ve lo ha inviato, sottolineando che non lo fate per la vostra personale difficoltà a capire, ma perché vi indigna l’inutile abbandono della lingua nostrana;

 

 

7.  diffondi come puoi e ogni volta che puoi la nostra richiesta di una legge ufficiale in difesa della nostra lingua madre, che vieti espressaemente l’abuso di esotismi nei vari campi diattività che si svolgono sul suolo italiano; porgi questo argomento in special modo a qualunque figura di amministratore politico che conosci, a qualunque livello egli appartenga (Comune, Provincia, Regione e, soprattutto, Parlamento Nazionale).

 

         Se seguite sempre questi semplici comportamenti in breve tempo diffonderete in misura molto più massiccia di quanto possiate credere la coscienza del problema. Una volta diffusa la coscienza del problema, automaticamente comincerà a diffondersi una maggiore attenzione ad evitare di fare troppo facile ricorso a parole straniere e si comincerà a cercare le corrispettive espressioni in Italiano, con notevole recupero della nostra coscienza nazionale e civica!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: